8 LUGLIO 2016

La Piccionaia presenta Rosaria De Cicco in “Regine”
regia di Giuseppe Bucci (un’idea di Francesca Gerla e Chiara Tortorelli)

Monologhi:
“Mena” di Arnolfo Petri
“Quanto la vita” di Chiara Tortorelli
“La voce di Laura” di Giuseppe Bucci
“Io so nuotare” di Francesca Gerla
Prologo ed epilogo di Pino Imperatore

Corte Rinascimentale Casa Apicella, Cava de’ Tirreni (Sa)
ingresso € 10,00

Nati da una idea delle scrittrici Francesca Gerla e Chiara Tortorelli, i monologhi di Regine sono le voci di eroine all’inverso, in disgrazia, rappresentative della società contemporanea e delle sue nevrosi e contraddizioni, e ne raccontano la quotidianità drammatica, surreale, simbolica, ironica.

Mena” di Arnolfo Petri è la regina di Quadri, nuova prostituta, ora boss di camorra, che ha ormai perso memoria della figura umana e poetica di una mamma come Filumena Marturano.

È solo una favola, amore” di Chiara Tortorelli racconta la Regina di Picche, nuova adolescente che il mondo dei social network o della emancipazione non mette al riparo da depressione, anoressia e isolamento causate da abusi in famiglia.

La protagonista di “Io so nuotare”, di Francesca Gerla, è la Regina di Fiori, nuova mamma, eroina profuga che ha viaggiato incinta sui barconi e non capisce il rifiuto dell’Occidente a prestare aiuto a lei e al suo bambino.

L’amore omosessuale è il tema del monologo “La voce di Laura”, scritto dal regista Giuseppe Bucci e ispirato a La voce umana di Jean Cocteau, per la Regina di Cuori, nuova amante abbandonata al telefono, donna lesbica che, in una società ancora omofoba, non può opporsi al desiderio di famiglia e figlio naturale della donna che ama.

L’opera vede la partecipazione straordinaria dello scrittore Pino Imperatore, noto anche per la fortunatissima trasposizione teatrale del suo romanzo Benvenuti in casa Esposito (Giunti). A lui è affidato un prologo e un poetico epilogo.

I costumi di Regine sono di Francesca Filardo. Musiche di Luca Formicola. Scenografie di Pietro D’Anna. Fotografie di Sonia De Rosa.

Costumi: Francesca Filardo
Musiche: Luca Formicola
Scenografie: Pietro D’Anna

Rino Di Martino sbanca il “Premio Li Curti”

Un parterre d’eccezione, una magica location ed un protagonista assoluto: il Teatro di qualità. Scoppiettante cerimonia di premiazione, lo scorso sabato 12 settembre a Cava de’ Tirreni (Sa), della V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”.

Migliaia di persone hanno assistito nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele III (meglio nota come Piazza Duomo) alla serata finale della kermesse promossa dal Teatro Luca Barba e diretta da Geltrude Barba, i cui spettacoli sono andati in scena dal 17 luglio al 2 agosto 2015 presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella.

Inserita nell’ambito dei “Solenni Festeggiamenti in onore della Beatissima Vergine dell’Olmo”, Celeste Patrona della città metelliana, ed egregiamente presentata da Carmela Novaldi, la manifestazione è stata caratterizzata dall’assegnazione di tre premi: “Miglior attore”, “Migliore regia” e “Premio alla carriera”. A tributarli una giuria tecnica composta dal maestro, regista ed attore Antonello De Rosa, dall’attrice professionista Carolina Damiani e dalla giornalista Paola La Valle.

Autentico trionfo per Rino Di Martino, protagonista unico dello spettacolo “Mamma. Piccole tragedie minimali”, che ha vinto sia il riconoscimento per il “Miglior attore” che il “Premio alla carriera”. Il premio per la “Migliore regia” è andato invece a Carmine Borrino, regista dello spettacolo “Francischiello. Un Amleto re di Napoli”.

A premiare i vincitori è stato il giornalista Gianluigi Laguardia, protagonista della trasmissione “Storie Vere” in onda su Rai 1, che ha rimarcato il grande lavoro svolto dagli organizzatori del “Premio Li Curti” ed ha sottolineato la valenza e l’importanza della Cultura, del Teatro, della Danza e dello Sport per impegnare i giovani ed allontanarli dai fenomeni della devianza sociale: «Custodirò tra i miei ricordi questa emozionante serata, con tutto l’affetto ed il calore testimoniatomi dai tanti cavesi presenti».

Soddisfatta la Direttrice Artistica Geltrude Barba: «Il merito del successo va a tutta la “squadra” che ha lavorato per questa V edizione del “Premio Li Curti”. Un sentito grazie a tutti quelli – e ne sono sempre di più – che credono nella Cultura e nel Teatro. Noi ci crediamo da sempre e continueremo a proporre iniziative che li esaltino».

Una serata dalle emozioni infinite, quella vissuta nella città metelliana. Dopo le attese premiazioni del “Li Curti”, infatti, spazio ai “trascinanti” ritmi dei Via Toledo, il cui apprezzatissimo repertorio di celebri brani della canzone classica napoletana ha mandato in visibilio il foltissimo pubblico.

E come ciliegina sulla torta l’irresistibile comicità di Mariano Bruno, il celebre “Pigroman” di “Made in Sud”, le cui esilaranti battute hanno fatto calare in modo spumeggiante il sipario sulla serata e sull’intera Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, che ha goduto del patrocinio della Città di Cava de’ Tirreni, della locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e di AR Italy – Italian Lifestyle.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125 – ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it

piazza_duomo_cava

“Premio Li Curti”, sabato 12 settembre la cerimonia di premiazione

In Piazza Vittorio Emanuele III (meglio nota come Piazza Duomo) di Cava de’ Tirreni (Sa) si svolgerà sabato 12 settembre 2015 la cerimonia di premiazione della V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, svoltasi dal 17 luglio al 2 agosto presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella. La serata, inserita nell’ambito dei “Solenni Festeggiamenti in onore della Beatissima Vergine dell’Olmo”, Celeste Patrona della città metelliana, avrà inizio alle ore 21.00.

Tre i premi che saranno attribuiti: “Miglior attore”, “Migliore regia” e “Premio alla carriera”. La giuria tecnica chiamata ad assegnare i riconoscimenti sarà composta dal maestro, regista ed attore Antonello De Rosa, dall’attrice professionista Carolina Damiani e dalla giornalista Paola La Valle.

Presentata da Carmela Novaldi, la serata sarà allietata da momenti musicali, con la partecipazione dei Via Toledo, e dal cabaret di Mariano Bruno, protagonista di Made in Sud in onda su Rai 2 con il personaggio “Pigroman”.

Promossa dal Teatro Luca Barba e diretta da Geltrude Barba, la V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” ha goduto del patrocinio della Città di Cava de’ Tirreni, della locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e di AR Italy – Italian Lifestyle.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125 – ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it

premio_licurti_serata_finale

Gran finale per il “Premio Li Curti”, il 12 settembre la proclamazione del vincitore

Sarà proclamato sabato 12 settembre 2015 il vincitore della V edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, svoltasi dal 17 luglio al 2 agosto a Cava de’ Tirreni, presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella. In Piazza Vittorio Emanuele III (meglio nota come Piazza Duomo), nell’ambito dei Festeggiamenti in onore di Maria SS. Incoronata dell’Olmo, sarà premiato il “Migliore Spettacolo” della kermesse dedicata al grande Totò. La giuria tecnica, composta dal maestro, regista ed attore Antonello De Rosa, dall’attrice professionista Carolina Damiani e dalla giornalista Paola La Valle, assegnerà anche il “Premio alla Carriera” ad uno degli attori che hanno impreziosito la manifestazione.

“Francischiello. Un Amleto re di Napoli”, “Filumè. Una voce e mille pensieri”, “Virginia e sua zia”, “Madame Misère” e “Mamma. Piccole tragedie minimali”: questi gli spettacoli, messi in scena rispettivamente da Carmine Borrino, Franco Di Corcia jr, Gina Perna, Maria Luisa Usai, Irene Maiorino e Rino Di Martino, a contendersi la palma del vincitore. Testo, regia ed interpretazione saranno i parametri in base ai quali la giuria decreterà il nome del trionfatore.

premio_licurti_serata_finale

Rino Di Martino, foto di Carmine Musella

Domenica 2 agosto, intanto, con la rappresentazione “Mamma. Piccole tragedie minimali”, portata in scena da Rino De Martino, per la regia di Antonella Morea, è calato il sipario sulla rassegna ideata e diretta da Geltrude Barba. «Dopo aver fatto il pieno del buon Teatro, siamo arrivati alla fine di questa fantastica avventura, condita di visi, risate, emozioni e profonde riflessioni – ha affermato Geltrude BarbaL’ultimo appuntamento ha fatto segnare un finale trionfale con un artista di fama nazionale come Rino Di Martino».

Oltre che di bilanci, per il Direttore Artistico della kermesse è tempo anche di ringraziamenti: «Grazie a chi ha creduto ancora una volta in me e soprattutto agli amici del “Li Curti” che non mi hanno mai abbandonata – ha dichiarato Geltrude BarbaUn grazie particolare va al mio compagno Bernardino Santoriello, colonna portante del Premio, alla presentatrice Carmela Novaldi, amica di rara professionalità, a Daniele e Claudio Boggi, che hanno contribuito tecnicamente alla riuscita di questa rassegna, a Carmine D’Alessio ed all’agenzia di comunicazione MTN Company per la promozione dell’evento, all’attore e collaboratore Antonio Coppola, all’amico sempre presente Massimiliano Parisi, a Paola La Valle, “penna” del Premio che ha raccontato in modo delizioso le emozioni che il Teatro regala, ed al maestro, amico e stretto collaboratore Antonello De Rosa, sempre prodigo di consigli. Ma soprattutto – ha aggiunto – il mio ringraziamento più sentito va al pubblico che ha partecipato alle varie serate. Mille e poi mille volte grazie alle tante persone per aver apprezzato il Teatro del “Li Curti”: è grazie al loro sostegno che il mio Teatro non morirà mai».

Grande attesa, dunque, per conoscere i vincitori del “Premio Miglior Spettacolo” e del “Premio alla Carriera” della V edizione della manifestazione, i cui nominativi saranno svelati durante la serata del 12 settembre nella centralissima Piazza Duomo di Cava de’ Tirreni.

Promossa dal Teatro Luca Barba, la V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” ha goduto del patrocinio della Città di Cava de’ Tirreni, della locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e di AR Italy – Italian Lifestyle.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125 – ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it


P.S.: foto del servizio a cura di Carmine Musella

premio_licurti_rino_dimartino_sito

“Mamma. Piccole tragedie minimali”, Rino Di Martino cala il sipario del “Premio Li Curti”

Sarà lo spettacolo “Mamma. Piccole tragedie minimali” a chiudere domenica 2 agosto 2015 a Cava de’ Tirreni la V edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. Con inizio alle ore 20.30, la rappresentazione in programma nella Corte Rinascimentale di Casa Apicella, sita in via Carlo Santoro 71, vedrà la regista Antonella Morea “affidare” uno degli ultimissimi scritti di Annibale Ruccello all’interprete Rino Di Martino, unico attore in scena. L’aiuto regia e l’ideazione delle scene saranno a cura di Giovanni Piscitelli.

Chiusura col botto, dunque, per la kermesse diretta da Geltrude Barba, capace di richiamare sul palco della storica residenza metelliana importanti artisti nazionali e prestigiose compagnie teatrali. A far calare il sipario sulla rassegna dedicata al grande Totò sarà, appunto, lo spettacolo “Mamma. Piccole tragedie minimali”, portato in scena da Ruccello nel 1986 al Festival di Montalcino.

Composto da quattro brevi atti unici (“Le fiabe”, “Maria di Carmelo”, “Mal di denti” e “La telefonata”), l’opera racconta diverse tipologie della figura materna, una sola delle quali incarna il difficile compito di madre, mentre le altre sono mamme “diverse”, gelide, prese solo dal loro apparire. In qualcuna di loro si cela un disagio ed un malessere verso il mondo esterno e l’unico mezzo che riesce a farle evadere dalla realtà è l’identificazione nei personaggi televisivi e nelle attrici delle telenovelas, che le fa allontanare vieppiù dal modello di mamma che vive esclusivamente per i propri figli, sacrificandosi sempre per loro.

«Ho scelto per Rino Di Martino questi quattro monologhi dove mamme malefiche raccontano ancora fiabe e che poi via via, nei vari episodi, si trasformano in figure irrimediabilmente corrotte dai mass-media – spiega la regista Antonella MoreaUna folla di donne attorniate da ragazzini che si chiamano Morgan, Deborah, Samanta, nelle cui conversazioni si confondono messaggi personali, echi televisivi, slogan di rotocalchi; dove la pubblicità si sovrappone alle confidenze, le telenovelas alla sfera privata e gli inni liturgici alle canzonette di Sanremo».

La ritualità ed il mondo popolare sono il motore di tutta la messinscena, dove l’ambiguo maschile/femminile esprime al meglio il carattere tragicomico dei personaggi. «Vengono portati in scena deliri verbali fondati sulla contaminazione e sull’alterazione del linguaggio – continua la Morea La perdita di rituali propiziatori e liberatori usati nel mondo contadino come protezione e rivelazione dell’inconscio. Ma soprattutto la perdita dell’identità collettiva dovuta all’ingresso dei media».

Il costo del biglietto per assistere allo spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima della rappresentazione. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare Geltrude Barba, Direttore artistico del “Premio Li Curti”, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it. Ulteriori dettagli ed approfondimenti sulla kermesse sono consultabili sul sito www.premiolicurti.com.

Promossa dal Teatro Luca Barba, la V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” è patrocinata dalla Città di Cava de’ Tirreni, dalla locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e da AR Italy – Italian Lifestyle.

Per info e contatti:

– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125 – ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it

premiolicurti_usai_maiorino

Irene Maiorino al “Premio Li Curti” con lo spettacolo “Madame Misère”

Una drammaturgia scritta ed interpretata a quattro mani, in cui le due protagoniste cercano una via di fuga dalla metropoli dove tutti si accalcano e nessuno sa bene cosa cercare. È “Madame Misère”, quarto appuntamento della V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, che alle ore 20.30 di venerdì 31 luglio 2015 vedrà la cavese doc Irene Maiorino salire sul palco allestito presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella a Cava de’ Tirreni. In sua compagnia l’attrice Maria Luisa Usai, con la quale collabora e lavora da anni. Lo spettacolo è una produzione MaiorinoUsai e ZanfrettaTeatri.

Inserito nel più ampio progetto “In Miseria” – indagine di scrittura e di messa in scena volto ad approfondire la tematica della miseria umana – “Madame Misère” ha debuttato nel 2015 al Teatro Studio Uno di Roma. Presso la Corte dello storico Palazzo cavese, sito in via Carlo Santoro 71, Irene Maiorino e Maria Luisa Usai presenteranno la storia di due donne, la mendicante Yasmina e la prostituta Mezzanotte, ognuna impegnata nella propria attività, ma che improvvisamente si scopriranno “costrette” a condividere lo stesso spazio.

È estate. Yasmina e Mezzanotte si incontrano all’incrocio di una strada desolata. La prima è intenta a cercare l’oro nel Tevere, la seconda a trovare l’amore sulla Casilina. In una Roma indefinita ed accecante, le due donne, dopo un primo scrutarsi, decidono di farsi compagnia a vicenda e di intraprendere un viaggio che le porterà lontano, forse. Attese interminabili, tentennamenti, false partenze ed accelerazioni segnano il percorso delle due donne, che giungono finalmente alla meta tanto sognata. Quello che comunemente è un breve viaggio da Roma a Ostia diventa un percorso metaforico che porta dalla solitudine alla condivisione, dal rumore del traffico alla calma dal mare, alla presa di coraggio ed alla scoperta del nuovo e dell’inesplorato.

«Il registro poetico utilizzato oscilla tra la tragedia e la commedia, il clown ed il dramma – spiegano le attrici Maiorino ed Usai In primo piano è il corpo con il suo linguaggio, a cui si accompagna la parola che narra e dialoga. La realtà è contagiata dall’assurdo e viceversa. Desideriamo far entrare in collisione più piani temporali: quello sospeso del sogno e del racconto e quello del presente, concreto e preciso. Per quel che riguarda i testi, il linguaggio dei personaggi s’ispira ad un uso dell’italiano popolare e regionale, non identificabile con un solo dialetto o con un unico luogo di provenienza geografica. Nella scrittura si è ricercato una sgrammaticatura della lingua nazionale per trovare un parlato scorretto, che restituisca verità al carattere di questi personaggi, anche essi decisamente poco integri».

Il costo del biglietto per assistere allo spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima della rappresentazione. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare Geltrude Barba, Direttore artistico del “Premio Li Curti”, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it. Ulteriori dettagli ed approfondimenti sulla kermesse sono consultabili sul sito www.premiolicurti.com.

Promossa dal Teatro Luca Barba, la V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” è patrocinata dalla Città di Cava de’ Tirreni, dalla locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e da AR Italy – Italian Lifestyle.

Per info e contatti:

– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125 – ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it