casa_apicella_cavadetirreni

“Premio Li Curti”, il 9 ed il 16 luglio in scena le anteprime

Due rappresentazioni teatrali che faranno da anteprima alla V edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. Appuntamento a Cava de’ Tirreni, presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella, sita in via Carlo Santoro 71, giovedì 9 luglio con “Non mi dire te l’ho detto” e giovedì 16 luglio con “Family Match”. Gli spettacoli, entrambi in programma alle ore 20.30, non concorreranno alla rassegna dedicata al grande Totò, che si svolgerà nella stessa location dal 17 luglio al 2 agosto 2015.

Dopo il successo riscontrato durante la rassegna invernale, a grande richiesta tornerà, dunque, sul palco del “Li Curti” la commedia in due atti “Non mi dire te l’ho detto”, scritta e diretta da Paolo Caiazzo (in arte “Tonino Cardamone”, protagonista della seguitissima trasmissione “Made in Sud”, in onda su Rai 2), che sarà presentata dall’Associazione artistico-culturale Tisette – Gruppo del Pierrot. Con scene di Massimo Malavolta, costumi di Maria Pennacchio e direzione di scena di Mirella Pensa, giovedì 9 luglio il “Gruppo del Pierrot” rappresenterà una storia di “superba” attualità, incentrata sui social network e sui loro rapporti con i sentimenti. Con tanti equivoci e fragorose risate legate alla modernità del tema ed alla spontaneità partenopea. Lo spettacolo sarà interpretato da Paola Maddalena, Luciano Cimmino, Gianni Romano, Nino Cacace, Antonello Gargiulo, Maria Pennacchio ed Anna Prinster.

Giovedì 16 luglio, sempre alle ore 20.30, sarà la volta dello spettacolo musicale “Family Match”, con la regia di Riccardo Citro e l’accompagnamento musicale del maestro Vittorio Cataldi (pianoforte). In scena Pippo Cangiano, migliore attore della III edizione della Rassegna Teatrale Premio “Li Curti”, e sua figlia Viviana.

Pippo Cangiano, attore da trent’anni e padre di Viviana Cangiano, attrice da un decennio, decidono di fare uno spettacolo insieme. Ma lo scontro generazionale prevale sulla serenità che ci si auspicava dalla serata. Ne nasce una “lotta” divertente e brusca, senza limiti di colpi. In scena si alternano forme di spettacolo nuove ed antiche, con gli artisti che si scambiano continuamente i generi. Fuori dal palcoscenico le cose procedono tranquille e rispettose, ma sul palco è un creativo inferno, dal quale scaturirà un finale inaspettato e sorprendente.

Il costo del biglietto per ogni spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima delle rappresentazioni. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare Geltrude Barba, Direttore artistico del “Premio Li Curti”, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it. Ulteriori notizie sono consultabili sul sito www.premiolicurti.com.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com;
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125; ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it

Annunci

“’A Chiena” ritorna al Premio Li Curti domenica 25 gennaio

Domenica 25 gennaio, alle ore 19.30, la Compagnia Resistenza Teatro proporrà sul palco del Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni (Sa), sito in via M. Garzia 2, lo spettacolo teatrale “’A Chiena”. La rappresentazione, già protagonista della scorsa edizione estiva della kermesse-omaggio al grande Totò, andata in scena nei Giardini di San Giovanni, siti al Corso Umberto I, segnerà il quarto appuntamento della IV Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. La presentazione dell’iniziativa sarà affidata come di consueto a Carmela Novaldi.

Con l’attore e regista partenopeo Diego Sommaripa, Premio “Miglior spettacolo” e “Miglior attore” nella I edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” con lo spettacolo “Nel campo delle viole”, sul palco del Circolo metelliano saliranno Pippo Cangiano, Premio “Migliore attore” nell’ultima edizione del “Premio Li Curti”, e l’attrice Sara Missaglia.

Di Ivan Luigi Antonio Scherillo e Diego Sommaripa (regista e protagonista nelle vesti del figlioccio), con Pippo Cangiano (il boss Aniello Santonastaso) e Sara Missaglia (la giornalista Lavinia), “’A Chiena” è un vero e proprio resoconto dei giorni successivi alla liberazione del boss Aniello Santonastaso, passato dal chiuso del carcere al chiuso di un bunker perché ricercato da camorra e mafia cinese. Qui, tra statuine di Padre Pio e la memoria evocata dalla voce di Maria Callas, il boss trascorre quelli che potrebbero essere i suoi ultimi giorni. Per questo convoca il figlioccio e la giornalista Lavinia per “vuotare il sacco”, mentre la mafia cinese si intreccia in un mortale abbraccio con quella locale. Il tutto in un crescendo di orrore e tensione.

«“’A Chiena” non è solo un pretesto per entrare nel mondo delle triadi e della mafia cinese – afferma Diego Sommaripama è una storia fatta di semplici sensazioni e di rapporti umani. Rapporti da scoprire, o da sempre esistiti, talvolta morbosi o flebili ed indefiniti, altri che stanno per nascere o altri che si sgretolano. Tutto questo ha la particolarità di essere vissuto all’interno di un bunker ed assume un sapore tutto da scoprire. Da qui la scelta di dare una linea che si avvicina a quella cinematografica, stando ben attenti, però, a non utilizzare cliché e stereotipi evidenziati durante gli ultimi anni nel cinema e nelle fiction nostrane, ma preferendo dare un leggero taglio pulp post moderno».

Un taglio registico e linguistico vicino al cinema, quindi alla quotidianità. Un flusso di parole, una “chiena” senza fronzoli o effetti che potrebbero distrarre il pubblico. Poche mosse per focalizzare appieno il punto sulla parola: l’intento dello spettacolo è di comunicare completamente con il pubblico, di costruire un prodotto che si lasci seguire, che emozioni e che regali anche spunti di riflessione.

Il costo del biglietto per assistere allo spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima della rappresentazione. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare la Direttrice artistica della rassegna teatrale, Geltrude Barba, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it.

Promossa dal Teatro Luca Barba, la IV Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” è patrocinata dalla Città di Cava de’ Tirreni, dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo metelliana e dal Social Tennis Club. Per ulteriori approfondimenti sulla kermesse e su tutti gli spettacoli in cartellone è possibile consultare il sito internet www.premiolicurti.com.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.premiolicurti.com;
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125; ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it

Entusiasmante finale per il “Premio Li Curti”, Pippo Cangiano “Miglior Attore”

Ha vinto il Teatro. Ha vinto ancora una volta Geltrude Barba. Ma soprattutto, ha vinto la Città. È l’inconfutabile responso della III Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, che sabato 13 settembre ha vissuto nei Giardini di San Giovanni a Cava de’ Tirreni la sua entusiasmante serata finale.

Un Galà di premiazione che ha incoronato Pippo Cangiano, Aldo De Martino ed Antonello De Rosa, ma che in realtà, al cospetto di un folto pubblico, di numerose personalità e di ospiti d’eccezione, ha decretato il giusto tributo a quanti – artisti e compagnie – hanno impreziosito questa III edizione della Rassegna Teatrale, promossa dal Teatro Luca Barba, patrocinata dalla Città di Cava de’ Tirreni e dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo metelliana e dedicata all’indimenticabile Totò.

In scena dal 1° agosto al 5 settembre presso il Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio, i cinque appuntamenti della kermesse hanno offerto spettacoli di assoluto livello. E la risposta del pubblico non si è fatta attendere, con il “tutto esaurito” a caratterizzare ogni serata in cartellone. Doverosa quindi, oltre che assolutamente meritata, la passerella finale per tutti i protagonisti dell’iniziativa fortemente voluta dalla Direttrice artistica Geltrude Barba.

Un’impeccabile ed elegante Carmela Novaldi ha dettato i tempi del Galà, che ha vissuto il suo momento clou con il conferimento del “Premio Miglior Attore”. A trionfare è stato Pippo Cangiano, che ha vestito i panni del boss Aniello Santonastaso nello spettacolo “‘A Chiena” di Ivan Luigi Antonio Scherillo e Diego Sommaripa, rappresentato domenica 17 agosto. “Scelto” da una Commissione composta da Franco Bruno Vitolo, Anna Maria Borri, Angela Vitaliano, Guglielmo Cirillo, Maria Silvestri e Paola La Valle, Pippo Cangiano ha ricevuto l’ambito riconoscimento dalle mani del Presidente Franco Bruno Vitolo.

In programma anche l’assegnazione di due “Menzioni Speciali”. Quella alla carriera è andata ad Aldo De Martino, tra gli attori dello spettacolo “Macbeth/La Poltrona”, che è stato premiato dal Consigliere comunale Pasquale Senatore. L’altra alla regia è stata assegnata ad Antonello De Rosa, che in questa III edizione del “Premio Li Curti” ha presentato “Macbeth/La Poltrona” (domenica 24 agosto) e “Ammazzali” (venerdì 5 settembre). Già grande protagonista negli anni scorsi della Rassegna Teatrale metelliana, Antonello De Rosa è stato omaggiato del meritato premio dal Vicesindaco Tania Lazzerotti. La Direttrice Geltrude Barba ha, invece, consegnato un attestato di partecipazione a tutte le compagnie e gli artisti intervenuti.

Premiazioni, ma non solo. La serata ai Giardini di San Giovanni si è rivelata un autentico show, aperto dall’Accademia delle Arti “Studio Danza” di Alessandra Palumbo, che ha proposto una suggestiva esibizione coreografica impreziosita dalla proiezione di filmati e foto maggiormente rappresentative di quest’edizione del “Premio Li Curti”. È stata, poi, la volta del cantante Matteo Schiavone, interprete dell’apprezzata performance musicale “Lyric for love”, ed a seguire di Salvatore Misticone, il famoso signor Scapece del film “Benvenuti al Sud”, che ha deliziato i presenti con l’esibizione “Il signor Scapece si racconta”.

Ciliegina sulla gustosa torta, la presenza dell’attore comico Pasquale Palma, tra i maggiori protagonisti della trasmissione cult “Made in Sud” in onda su Rai 2. “Vivo D’Angelo” e “Rapper Arancino” solo alcuni dei noti personaggi messi in scena da Pasquale Palma, che ha lungamente intrattenuto il pubblico con tutto il suo ampio repertorio e con divertentissime gag “live”.

È stata la degna chiusura di una serata dalle intense emozioni, che ha per l’ennesima volta esaltato l’entusiasmo, la progettualità e la competenza dell’instancabile Direttrice artistica Geltrude Barba, già al lavoro per i prossimi impegni. Dal mese di ottobre, infatti, con il regista Antonello De Rosa dirigerà il laboratorio teatrale 2014/2015 “Vivi il teatro”, in programma a partire da giovedì 2 presso il Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni, sito in via Marcello Garzia 2.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.ithttp://www.lenottialcastello.it;
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125; ufficiostampa@mtncompany.ithttp://www.mtncompany.it

Domenica 17 agosto in scena “‘A Chiena”

Prosegue a Cava de’ Tirreni con un’altra serata molto attesa il cartellone della III Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. Domenica 17 agosto, alle ore 21.30, l’attore e regista Diego Sommaripa proporrà sul palco del Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio, sito in Piazza San Francesco, lo spettacolo teatrale “‘A Chiena”, che segnerà il terzo appuntamento della kermesse intitolata a Li Curti, frazione di Cava de’ Tirreni, in omaggio al grande Totò. La presentazione dell’iniziativa sarà affidata come di consueto a Carmela Novaldi.

Dopo “Juve – Napoli 1-3, la presa di Torino”, interpretato da Peppe Miale l’8 agosto, domenica 17 agosto sarà la volta della pièce teatrale che narra di malavita ed orrori a cura di Diego Sommaripa, già protagonista e vincitore della I edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” (luglio-settembre 2013) con lo spettacolo “Nel campo delle viole”.

Di Ivan Luigi Antonio Scherillo e Diego Sommaripa (regista e protagonista nelle vesti del figlioccio), con Pippo Cangiano (il boss Aniello Santonastaso) e Sara Missaglia (la giornalista Lavinia), “‘A Chiena” è un vero e proprio resoconto dei giorni successivi alla liberazione del boss Aniello Santonastaso, passato dal chiuso del carcere al chiuso di un bunker perché ricercato da camorra e mafia cinese. Qui, tra statuine di Padre Pio e la memoria evocata dalla voce di Maria Callas, il boss trascorre quelli che potrebbero essere i suoi ultimi giorni. Per questo convoca il figlioccio e la giornalista Lavinia per “vuotare il sacco”, mentre la mafia cinese si intreccia in un mortale abbraccio con quella locale. Il tutto in un crescendo di orrore e tensione.

«“‘A Chiena” non è solo un pretesto per entrare nel mondo delle triadi e della mafia cinese – afferma Diego Sommaripa ma è una storia fatta di semplici sensazioni e di rapporti umani. Rapporti da scoprire, o da sempre esistiti, talvolta morbosi o flebili ed indefiniti, altri che stanno per nascere o altri che si sgretolano. Tutto questo ha la particolarità di essere vissuto all’interno di un bunker ed assume un sapore tutto da scoprire. Da qui la scelta di dare una linea che si avvicina a quella cinematografica, stando ben attenti, però, a non utilizzare cliché e stereotipi evidenziati durante gli ultimi anni nel cinema e nelle fiction nostrane, ma preferendo dare un leggero taglio pulp post moderno».

Un taglio registico e linguistico vicino al cinema, quindi alla quotidianità. Un flusso di parole, una “chiena” senza fronzoli o effetti che potrebbero distrarre il pubblico. Poche mosse per focalizzare appieno il punto sulla parola: l’intento dello spettacolo è di comunicare completamente con il pubblico, di costruire un prodotto che si lasci seguire, che emozioni e che regali anche spunti di riflessione.

Attore comico, drammatico, di prosa e showman, Diego Sommaripa nel 2012 con lo spettacolo “La cantatrice è calva” è tra i candidati come Miglior Attore Giovane al Premio per il Festival del Teatro d’Impegno Civile “Antonio Landieri”. Al cinema è diretto da Claudio Noce per la sua opera prima “Good morning Aman”. Interpreta ruoli in “Gorbaciov” di Stefano Incerti e “La valigia sul letto” di Edoardo Tartaglia. È protagonista di diversi cortometraggi e di alcuni video musicali. Nel 2013 firma la sua prima regia con “Nel campo delle viole”, vincitore della prima edizione del “Premio Li Curti” a Cava de’ Tirreni e menzione speciale “Antonio Landieri” per l’omonimo Premio. Attualmente è in tour con Pasquale Palma, interprete di “Vivo D’Angelo” ed “Arancino” nella trasmissione “Made in Sud” (Rai 2).

Il costo del biglietto per assistere allo spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima della rappresentazione. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare la Direttrice artistica della rassegna teatrale, Geltrude Barba, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it.

Promossa dal Teatro Luca Barba, la III Rassegna Teatrale “Premio Li Curti” è patrocinata dalla Città di Cava de’ Tirreni e dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo metelliana. Per ulteriori approfondimenti sulla kermesse e su tutti gli spettacoli in cartellone è possibile consultare il sito internet www.lenottialcastello.it.

Per info e contatti:
– Geltrude Barba, cell. 393.3378060 – geltrudebarba@hotmail.itwww.lenottialcastello.it;
– Segreteria Organizzativa MTN Company Srl, Corso Mazzini 22 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.3122124-125; ufficiostampa@mtncompany.itwww.mtncompany.it